Le ricette e le storie
di vasiliki kouzina

INQUIETUDINE DI POLIPO

Mentre le lacrime bruciano senza pietà le mie guance e una melodia selvaggia sconvolge la mia anima, improvvisamente mi rapisce il suo pensiero....
Non resisto. Con gesto rapidissimo mi alzo e mi copro in fretta con il cappotto, cercando di nascondermi dai fantasmi del passato, che "mi hanno rubato la voce" come dice Tabucchi...

Inutile, il polipo si ripresenta, a disturbare la mia fragile tranquillità...
Fuori piove, ma io e la signora solitudine decidiamo di uscire.

E proprio lì, sotto il cielo bagnato, passando davanti al pescivendolo, incontro il polipo dei miei sogni che si nasconde con timidezza in un angolo.
Non ho niente contro i fiori di Bach, anzi.

Ma non c'è niente di meglio che mangiare il polipo che mangia il tuo interno ogni giorno.
Ho deciso, stasera cucino per te, anche se non verrai, anche se non so cosa vuoi mangiare... E così i miei fornelli diventano la bussola per i momenti difficili, come onde che vanno e vengono… Onde che ci aiutano a rivisitare tutto quello che non abbiamo visto anche se ci era seduto proprio accanto.
E quale la cura migliore di un attacco aggressivo e diretto?

Senza pensieri secondari, compiendo un omicidio sull'altare dei propri fornelli.

Avvicino il polipo, audace e intensa...

Il fuoco basso scioglie la cipolla e mi aiuta ad esorcizzare, prima che dalla camera oscura dell'inquietudine escano altri fantasmi sconosciuti...

Ingredienti:

1 polipo
10 cipolle bianche piccole
1 cucchiaio di zucchero
1 pomodoro tagliato a pezzettini fini
Vino rosso
Aceto balsamico
Coniac Metaxas
Alloro
Pepe
Miele

Tagliamo il polipo, lo spolveriamo con origano selvaggio e aceto balsamico e lo lasciamo riposare un po'...

Sbucciamo con delicatezza le cipolle e le incidiamo.

In una pentola scaldiamo l'olio e appassiamo le cipolle a fuoco basso. Spolveriamo con lo zucchero. Aggiungiamo il polipo e il resto degli ingredienti. Facciamo bollire per un'ora e mezza, finchè il polipo sarà tenero e la salsa morbida e densa allo stesso momento...

Alla fine aggiungiamo il miele e mescoliamo.

Tip: condividiamo con i nostri amici il polipo, come le preoccupazioni.